Mura a Berlino

Qualche settimana fa ho partecipato a un workshop sulle divisione dell'Europa Est e Ovest, del passato e del presente. Eravamo a Berlino, città emblematica per il suo Muro. Si dice che quando nel 1989 è caduto il Muro di Berlino sia finita la Guerra Fredda. Nei giorni che ho passato nella capitale tedesca ci capita spesso di paragonare i conflitti passati con quelli attuali. Il  muro di Berlino è caduto, ma nel mentre se ne sono costruiti altri, in Cisgiordania, al confine Messico - Stati Uniti, Malesia - Thailandia, così come anche all'interno delle nazioni stesse,  i Gypsy wall, moderni getti di isolamento della popolazione Roma.

A Berlino, i primi giorni di Marzo era ancora inverno. La città era vuota, solo pochi turisti si condensavano vicino alle maggiori attrazioni. Io ho alloggiato nel quartiere di Pankow, che è poco fuori dal centro ed è famoso per il lago Weisenssen, il lago bianco. La nostra attività si svolgeva a Kubiz, in passato una scuola elementare che è stata chiusa per il calo degli studenti e trasformata in centro culturale. Oggi l'edificio è gestito da un collettivo di associazioni e dalle famiglie che ci vivono. Durante la mia settimana berlinese non ho visto moltissimo traffico a Kubiz. Talvolta capitava di incrocciare i condomini,  una sera è capitato ci fosse un concerto punk nel bar sotto, ma per il resto silenzioso e tranquillo. Silenziosamente opprimente mi è parsa anche la città, inspiegabilmente mi tornavano in testa i quadri di Kirchner.

Le foto che ho scattato in quei giorni ne sono state naturalmente influenzate, eccone alcune!

Gente a Kreuzberg
Trasporti a  Kreuzberg


Barriere
Quello che c'è sopra la testa

Oltre il muro 

Oltre il muro #2


Fuori Kastanienallee 77
Dentro Kastanienallee 77

Blu: mura dipinte
Pomeriggio

Nessun commento:

Posta un commento