Un maestro del colore

"Non esiste quello che vedete, esiste quello che fotografate."
Franco Fontana

Amo le foto monocromatiche e si è visto con  Hengki Koentjoro e Gabriele Basilico ma i colori sanno essere ancora più affascinanti del bianco e nero quando c'è qualcuno che sa coglierli.
Linee decise, colori brillanti, prospettive sempre particolari è quello che troviamo negli scatti del “maestro del colore”, Franco Fontana. E' impossibile scegliere una solo foto perché sono tutte diverse fra di loro ma tutte ricche di significati. 

“Fotografo il colore perché fortunatamente vedo a colori: ritengo il colore più difficile del bianco e nero, che è già un'invenzione perché la realtà non è mai accettata per quello che è a livello creativo e conseguentemente va reinventata. Il mio colore non è un'aggiunta cromatica al bianco e nero ma diventa un modo diverso di vedere, essendomi liberato da quelle esigenze spettacolari che hanno caratterizzato la fotografia a colori, accettando il colore come un traguardo inevitabile nell'evoluzione della fotografia.” (cit. da intervista, fonte Nationalgeographic.it)
 

 Puglia 1978

Asfalti a Modena, 2005

Basilicata 1987



 Ombre 1985

Paesaggio urbano, Praga, 1967

 
Automobile

1 commento: