Alla scoperta del nord

La settimana scorsa ho avuto il piacere di visitare la città di Helsinki. La prima cosa che colpisce della capitale finnica è quanto questa non sia una capitale europea bensì una città al limite fra la cultura nordica e quella russa. Fondata nel 1550 da Gustav Vasa, re di Svezia, Helsingfors cominciò a crescere soltanto con la costruzione della Fortezza di Suomenlinna, dopo il 1748, fino ad ottenere l'indipendenza all'inizio del Novecento. 
Con i suoi numerosi percorsi sulle rive del Mar Baltico, il porto e i parchi, Helsinki è una città che vive in piena armonia con la natura. Va visitata con calma, lasciandosi trasportare dalle vie, fermandosi a godere il tanto atteso sole sulle scale della Cattedrale Bianca e sfidando il fortissimo vento in riva al mare.
Consiglio di visitare il modo particolare il Design District che permette di fuggire dai (troppi) centri commerciali alla scoperta di negozietti particolari, la Chiesa nella Roccia (Temppeliaukio Church) dove si può apprezzare l'acustica grazie a musicisti sempre presenti in concerti o prove, la baia di Tolo e il Musikiittalo dove tengono i loro concerti la Helsinki Philharmonic Orchestra e la Sibelius Academy.
Ho avuto modo poi di visitare in una giornata anche Turku che è la città più antica della Finlandia. Turku sorge sul fiume Aurajoki, è una città ancora più piccola di Helsinki ma a mio parere ancora più pittoresca e attiva. Attorno al suo fiume gli abitanti di risvegliano e non si lasciano sfuggire nessun raggio di sole, passeggiano, fanno sport, invadono i prati e suonano per le strade in un'allegria contagiosa ma mai eccessivo. Del resto si sa, i finlandesi abbandono il loro contegno solo la notte, dopo un paio di drink oppure durante il Vappu, il capodanno della primavera, durante il quale  parchi e  strade vengono invasi da giovani per 48 ore di festeggiamenti continui. 


Cattedrale di Helsinki

 

Kamppi e la Chapel of Silence 


Mare del nord al tramondo


Hietaniemi cemetery


Musikittalo


Ancora neve all'ombra

 Castello di Turku

10 commenti:

  1. Queste foto sono spettacolari!!! Bravissima :)))

    RispondiElimina
  2. Da persone che conosco che hanno visitato Helsinki, mi hanno detto che i finlandesi sono molto freddi e antipatici, anche tu hai avuto questa impressione? Poi dalle tue foto, sicuramente ci devono essere bei posti da visitare!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sulla freddezza dei nordici avrei quasi dedicato un post! :) Antipatici non direi proprio ma sicuramente sono molto riservati. Penso che a farceli sembrare "freddi" sia solo un modo di approcciarsi un po' diverso dal nostro ma io ho conosciuto un paio di persone carinissime!

      Elimina
  3. ho capito, cmq io parlavo proprio in particolare dei finlandesi, forse altri: danesi, svedesi, sono più espansivi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Può darsi. Da quello che mi dicono sicuramente i finalndesi tendono a essere più espansivi con chi parla la loro lingua. Logicamente se sono "a casa loro" stanno più tra di loro e non si scomodano di interagire con gli stranieri.

      Elimina
  4. Che bella descrizione di questa città fantastica! Ancora non l'ho visitata ma c'è in programma un viaggio nei paesi del nord. Dico fantastica perché ho stretto rapporti d'amicizia con ragazze finlandesi e svedesi. Amicizie molto forti, costruttive. Mi piace molto il loro modo di rapportarsi e di vivere i legami anche se sicuramente si discosta dal nostro carattere mediterraneo. Quindi mi son fatta una certa idea anche di questi posti. E poi leggendo il tuo post mi è venuta ancor più voglia di andarci! :)

    RispondiElimina
  5. Sembra davvero un posto bellissimo!

    RispondiElimina
  6. deborah, che scrive allungando le braccia, appoggiando i gomiti su un manuale di anatomia, muore di invidia.
    Per giunta non ha voglia di studiare e in tutta probabilità continuerà a leggere qualche post a discapito di legamenti e articolazioni.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Greta, che ha passato una settimana a girovagare, ora deve decidersi ad appoggiare i gomiti sul manuale di psicologia.... non sei sola :)

      Elimina